Il Blog di Technowood

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
  • Team Blogs
    Team Blogs Trova il tuo blog collettivi preferiti qui.
  • Accesso
    Login Modulo Login
Iscriviti a questa lista tramite RSS Post sul blog taggati in green

1111Non tutti sanno che prima dell'avvento del proibizionismo della cannabis le diverse varietà della canapa erano coltivate in tutto il mondo fin dall'antichità, e utilizzate in vari e numerosissimi campi: il fusto costituiva la materia prima per la produzione di carta, fibre tessili in genere (corde, abbigliamento, ecc.), fibre plastiche, e concimi naturali; nella medicina umana e veterinaria le foglie e soprattutto i fiori erano molto utilizzati per vari scopi fra i quali, ad esempio, l'uso antinfiammatorio e sostituivano in quel periodo molti dei farmaci presenti oggi sul mercato. Con la canapa si possono produrre anche cosmetici come creme, shampoo e saponi.
Ulteriori utilizzi prima della proibizione sono stati fatti nella creazione di una delle prime automobili prodotte in serie (la Ford T del 1923), un prototipo, detto Hemp Body Car, composto per più del 60% di materiali derivati dalla canapa.55555
Perfino le case erano costruite in buona parte con prodotti derivati dalla cannabis (vernici, colle, mattoni, rivestimenti).

Continua a leggere
in Blog 2017

428dfb9daea339a65736671c568e7dec

La green economy è ormai la strada obbligata per la ripresa economica a livello nazionale, come modalità di sviluppo ecosostenibile del territorio e come opportunità di occupazione.

 

In particolare, l'edilizia sostenibile in generale e quello delle costruzioni in legno in particolare ,  può diventare il motore trainante del rilancio del settore, che ha già dato i primi timidi segnali e che diventerà più solido entro il 2015.

 

Ora però ci sono dati seri ed inoppugnabili a confortare tale ipotesi.

Continua a leggere
in Blog 2278

vario-haus-passivhaus-solare-950x712Passivhaus-energyLe Case passive sono essenzialmente edifici che utilizzano pochissima energia per il riscaldamento e il raffreddamento , fornendo nel contempo un elevato livello di comfort . Se si dovesse descrivere la Casa Passiva in poche parole si direbbe che è una casa caratterizzata da un' eccezionale efficienza energetica , con basso consumo energetico ed elevato potenziale termico isolante. Questa tipologia di casa è, infatti, così efficiente dal punto di vista energetico che consente un risparmio fino al 90 % dei costi di riscaldamento . 

Il concetto di Passive Houses ( ' Passivhaus ' in tedesco ) è stato usato per la prima volta nel maggio del 1988 da Bo Adamson dell'università di Lund , in Svezia , e Wolfgang Feist dell'Istituto per l'Edilizia e l'Ambiente , in Germania . L'Istituto Passivhaus costituito nel 1996 a Darmstadt, ha stabilito una serie di criteri di qualità internazionali per far sì che un edificio possa essere definito "Passiv" ed è l'Istituto che promuove, controlla gli standard a livello internazionale. 

Continua a leggere
in Blog 2955

9032d35056ae268e582a6f601c0ac623Gli obiettivi della progettazione sostenibile si stanno ampliando cercando non solo modi per ridurre effetti e impatto ambientale di un edificio ma abbracciando temi più generali come quelli legati al comfort, stress, o più generale alla salute degli occupanti di tali edifici.

Lavori sempre più sedentari , più attività/servizi indoor fanno aumentare la quantità di tempo trascorso all'interno di edifici . Ad esempio statistiche americane dimostrano che una persona trascorre il 90% del suo tempo in edifici al chiuso ( casa, scuole , uffici, centri commerciali, palestre etc) , 5% in auto e solo il 5% in attività all’aperto. Cioè rende , ad esempio, il design di interni sempre più importante , ma anche che la progettazione degli edifici stia diventando sempre di più una scelta green coerente e consapevole per l’impatto che può avere sulla vita dei suoi occupanti.

La definizione di edilizia sostenibile, quindi, si raffina sempre di più per

includere non solo l'impatto degli edifici sull'ambiente ma anche sulle

imagespersone .

Continua a leggere
in Blog 2471

cantiere(6)Per bioarchitettura , in base alla definizione dell’Istituto Nazionale di Bioarchitettura (INBAR), s’intende l'insieme delle discipline legate all’architettura e alla tecnologia edile, che presuppongono un atteggiamento ecologicamente corretto nei confronti dell'ecosistema.

La bioarchitettura è la metodologia capace di assicurare la realizzazione di un edificio caratterizzato da idonee condizioni di salubrità tali da ridurre impatti negativi sull’ ambiente , lo sperpero o il cattivo utilizzo delle risorse ambientali. Si fonda su alcune semplici ma importanti regole di sostenibilità e di equilibrio tra costruzioni ed ambiente in modo da soddisfare le esigenze dell’uomo di oggi senza compromettere quelle delle future generazioni.

Suo compito è quindi quello di sviluppare progetti per il risparmio produttivo, prestando attenzione al ciclo di vita dei materiali ed al valore del loro riuso e riciclo.

Una edilizia sostenibile consapevole ed intelligente si deve , quindi , basare su un confronto dell'impatto ambientale dei diversi materiali edili a disposizione . In particolare si parla molto spesso della comparazione del legno , acciaio e cemento armato .

La ricerca scientifica internazionale sta dando risposte importanti che evidenziano sempre la superiorità del legno rispetto agli altri materiali . Vediamo come

Continua a leggere
in Blog 2316

DSC00549Ormai al tetto non è più richiesto di svolgere la sua semplice ed originaria funzione di copertura.

Con l’accresciuta sensibilità verso i temi della sostenibilità in generale e della bioarchitettura in particolare è cresciuta l’esigenza di realizzare abitazioni più ecocompatibili, quindi, anche il tetto è diventato una componente importante della progettazione che vuole essere coerente con i principi della bioarchitettura.

 

Costruire il tetto in legno è diventata, quindi, una scelta consapevole di progettazione green che offre notevoli vantaggi . Vediamo quali.

 

Continua a leggere
in Blog 2199

b4b9ccb74ce05ca31a0c2efe8753a2f6Dall’edilizia privata ad edifici pubblici o strutture turistiche , ormai i principi della sostenibilità sono sempre più presenti in tutti i tipi di architettura .

Il legno , non ci stancheremo mai di ripeterlo , rappresenta il materiale fondamentale per rendere credibile coerente e reale qualsiasi progetto architettonico sostenibile e green .

Di seguito riportiamo tre ( tra i moltissimi ) progetti internazionali , che abbiamo ritenuto interessanti per vari motivi architettonici,  realizzati in legno che evidenziano l’estrema flessibilità , duttilità e capacità del legno  ad integrarsi con le conoscenze delle culture locali .

 

Continua a leggere
in Blog 2532

 

Bullitt01L' obiettivo dichiarato di edificio più verde del mondo, il Bullitt Center di Seattle - un edificio commerciale a 6 piani - è quello di vivere secondo le rigorose sfide del “Living Building Challenge” , il più ambizioso punto di riferimento per sostenibilità dell'ambiente mai concepito , standard molto più rigoroso rispetto  a quello  più famoso LEED . Obiettivo ambizioso ma realizzabile visto che La Bullitt Center di Seattle è stato inaugurato qualche mese fa, il 22 aprile nell’Earth Day.  Data coerente che sottolinea il forte legame tra l'edificio e le questioni ambientali per  garantire un futuro sostenibile al nostro pianeta .

net zero bullitt building facadeProgettato dal team della Miller Hull Partnership la struttura si estende per 47 mila mq, accogliendo al suo interno una parte dei laboratori della “University of Washington’s Integrated Design Lab”, il “Cascadia Center per il Sustainable Design and Construction” ed ovviamente la “Bullitt Foundation”, principale sponsor dell’opera . Questi prestigiosi partners sono stati coinvolti anche nella fase progettuale tramutandosi in contenitori e sostenitori di sperimentazioni . Anche la collocazione del Bullitt Center è stata studiata per ottenere ottimi risultati anche dal punto di vista delle infrastrutture del trasporto, pianificando i percorsi ciclabili e pedonali per sostenere uno stile di vita eco-friendly.

Continua a leggere
in Blog 2216

1stPlace StudentGYOC Perspective 1Il legno per le sue caratteristiche green (vedi anche )   sarà il materiale da  costruzione  sempre più sostenibile ed eco del futuro. Purtroppo una delle ragioni per cui In Italia, ma non solo, ci sono ancora resistenze alla sua diffusione è la scarsità di corsi specifici per costruire in legno , sia per corsi di laurea di architettura e di ingegneria, corsi postuniversitari, che ne fanno ancora materia di elite riservata a pochi professionisti . E’ e sarà fondamentale sempre di più , sviluppare , far crescere e rendere più matura una conoscenza della progettazione in legno per i professionisti anche attraverso concorsi e progetti ambiziosi.

Per fortuna l’aria sta cambiando anche  a livello  internazionale, per cui  si stanno moltiplicando iniziative che premiano la creatività ed innovazione nel campo del “green building” per gli studenti e giovani professionisti . Tra le tante ne segnaliamo una legata alla città di NY , trend setter per eccellenza di tendenze nuove e nuovi mercati. Studenti di architettura e giovani professionisti sono stati chiamati a partecipare ad in una competizione unica , chiamata “Timber the City” , per la progettazione di un innovativo progetto , una struttura ad uso PROGETTAZIONE LEmisto a New York , usando come prodotto primario, appunto ,  il legno.

Continua a leggere
in Blog 2008

LEGNAMEIl legno, pur essendo il materiale ecologico per eccellenza, la più antica delle risorse naturali rinnovabili è forse quella meno conosciuta in quanto , per lungo tempo, oggetto di luoghi comuni ed equivoci che ne hanno impedito  l’uso ed la diffusione quale materiale edilizio.

Uno dei luoghi comuni più diffusi e duri a morire è pensare che utilizzando il legno si distruggono risorse naturali e boschi , danneggiando, dunque, l’ambiente.

In realtà è vero proprio il contrario : il bosco è ,infatti, una miniera di materiale naturale potenzialmente inesauribile, se ben gestita con un’oculata politica dei tagli, diffidare del legname serve solo a orientare il mercato delle costruzioni verso materiali solo apparentemente più efficienti, come calcestruzzo, metalli e plastiche, ma in realtà molto più inquinanti.

logo 3I Paesi che commerciano il legname attuano , nel proprio interesse, programmi rigorosi di mantenimento e sviluppo delle foreste. Infatti , il bosco è una miniera naturale potenzialmente inesauribile, a patto di garantirne l’equilibrio. Il problema globale della deforestazione, che pure esiste e riguarda vaste aree del pianeta, è legato però quasi esclusivamente alla brama di nuove aree edificabili o da dedicare al pascolo, e non alla produzione di legno.

In ogni caso il consumatore ha la possibilità di contribuire in modo attivo per la sostenibilità del legno e la protezione dell’ambiente da comportamenti indiscriminati, scegliendo, per esempio, legno proveniente da coltivazioni certificate FSC ( FOREST STEWARDSHIP COUNCIL ) .

Continua a leggere
in Blog 1472

Tecnologie3Negli ultimi anni , con   una maggiore attenzione di riviste specializzate, blog e contenuti web di architettura sostenibile , è ormai evidente la crescente passione per il legno per un   consistente numero di professionisti .

Inoltre un numero crescente di celebri architetti europei ( primo tra tutti , come non citare , Renzo Piano ) sta i (ri)scoprendo gli innumerevoli vantaggi del legno .

Il legno piace . Piace perché è naturale, solido, bello e pieno di carattere. Materiale flessibile e perfetto per un design contemporaneo ma di tradizione. Grazie alle sua flessibilità, duttilità e alle sue   straordinarie caratteristiche fisiche si sta riscoprendo   come ,   il più antico dei materiali , sia anche il più moderno .

Grazie a questa nuova accresciuta sensibilità ambientale e conoscenza tecnica ,   il legno  , da sempre   usato nell’edilizia ma , che con l’avvento del cemento armato era stato quasi dimenticato soprattutto in Italia, sta conoscendo il suo “rinascimento” .

E’ avvenuto un grande processo di rivalutazione del legno non solo come materiale di arredo ma anche e soprattutto  per le   strutture portanti di una casa . L’edilizia ha riscoperto le caratteristiche e i pregi di questo  materiale  cosi flessibile e duttile e soprattutto sostenibile  , veloce da installare che protegge dall’inquinamento acustico, atmosferico ed elettromagnetico, economicamente vantaggioso, leggero, invulnerabile al sisma ma anche influenzabile dalle condizioni ambientali in cui si inserisce.

Continua a leggere
in Blog 1239

Struttura 38Il legno è , per definizione, “ILmateriale da costruzione naturale e rinnovabile , grazie anche alla sua enorme potenzialità di garantire un elevato  risparmio energetico ed alle   specifiche caratteristiche tecniche, è diventato il materiale intorno al quale si è sviluppata una crescente sensibilità per la sostenibilità nell’edilizia. Per troppo  tempo il suo impiego è stato surclassato da altri prodotti come l’acciaio e il cemento armato. Negli ultimi anni, però , le tecniche costruttive in legno sono diventate sempre più raffinate ed avanzate che non esistono più ragioni tecniche per cui al legno si debba preferire il cemento armato od il laterizio.  Inoltre la crescente consapevolezza relativa all’ingente consumo di risorse globali , porta i progettisti a preferire materiali con cicli produttivi più sostenibili;
In Italia , per costruire, purtroppo , si predilige ancora il calcestruzzo. I motivi sono diversi. La forte influenza delle industrie del cemento , alle spalle del settore edile non  agevola una possibile riconversione; il nostro background culturale in materia di costruzioni ha una forte influenza su architetti e ingegneri che molto spesso scelgono automaticamente il calcestruzzo come elemento strutturale, senza valutare altre ipotesi; anche i clienti pensando erroneamente che si tratti del materiale più economico e duraturo lo considerano l’unica scelta possibile.
In questo senso, i dati delle associazioni di categoria parlano chiaro: infatti secondo “ Promo_Legno” , l’associazione italiana senza fini di lucro che si occupa della promozione del legno in edilizia, in Italia soltanto un edificio nuovo su 12 è realizzato con questo materiale: meno del 10%.
Qualcosa però sta cambiando . Infatti   le previsioni sul futuro sviluppo di questo prodotto sono molto fiduciose: entro il 2015 in Italia , si stima un aumento relativo del 50% . Questo dovuto principalmente a due fattori : 1. una accresciuta sensibilità verso i temi della sostenibilità da parte di tutta l’opinione pubblica 2. Maggiore conoscenza delle incredibili capacità tecniche di questo materiale .

Continua a leggere
in Blog 1427