Il Blog di Technowood

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
  • Team Blogs
    Team Blogs Trova il tuo blog collettivi preferiti qui.
  • Accesso
    Login Modulo Login

Quanto costa realizzare una casa in legno ad alta efficienza energetica e qual è l’iter?

  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Iscriviti a questo post
  • Stampa

Copertinamazzolini Una casa ad alta efficienza energetica può essere costruita in qualsiasi stile e in qualsiasi luogo, i proprietari non devono limitare le proprie idee in alcun  modo.

 Essa può essere costruita con struttura in legno, acciaio o muratura/pietra e anche la scelta dei materiali per gli interni non è limitante.

 Tuttavia per garantirne la funzionalità ottimale con il conseguente risparmio energetico e di costi è consigliabile prevedere una forma semplice e compatta e  un orientamento ottimale.

 Noi della Technowood abbiamo verificato che utilizzando il legno come struttura portante si riesce ad ottenere il miglior rapporto qualità/prezzo, un  eccellente comfort abitativo, rispetto a tutte le altre tecnologie, sicuramente il costo più basso in rapporto alla qualità dell’involucro.

I vantaggi di una casa ad alta efficienza energetica costruita con struttura portante in legno sono:

  •       Ecologia e salute: utilizziamo materiali ecocompatibili e rinnovabili, naturali e non tossici
  •       Risparmio energetico: Prestazione energetiche migliori rispetto alle case convenzionali (fino all'80% in meno dei costi di energia)
  •       Tempi di realizzazione veloci e non dipendenti da fattori atmosferici e/o imprevisti
  •       Microclima interno migliore di tutte le altre soluzioni realizzative.

 

L’iter prevede le seguenti fasi:

 

1.    Progetto architettonico

La progettazione può essere eseguita da parte di un tecnico di fiducia del cliente, e dovrà essere compatibile con le norme tecniche del comune di riferimento.

2.    Permesso

Un tecnico locale (ingegnere, geometra, architetto), o lo stesso progettista, dovrà ottenere l'incarico di occuparsi delle pratiche attinenti il rilascio del permesso di costruire e della direzione lavori sul cantiere. Nel suo onorario potrebbero essere compresi anche i compensi per altri professionisti che collaborano al progetto (p.es. topografo, geologo, ingegnere ecc.)

3.    Progetto esecutivo

Viene elaborato quando il permesso di costruire è stato rilasciato, in genere viene redatto dal tecnico incaricato insieme alla Technowood. Di solito le ditte sono due: la Technowood si occupa della costruzione della casa e una ditta locale della costruzione della platea e di eventuali lavori correlati.

4.    Inizio lavori

Dopo il rilascio del permesso, i lavori di costruzione della platea possono incominciare e includono anche la sistemazione e messa in sicurezza del cantiere, i movimenti terra necessari, gli scavi, la costruzione di muri di contenimento ecc. In parallelo Technowood procede alla realizzazione, in stabilimento, della struttura in legno della casa.

5.    Montaggio casa

Una volta pronta la platea si può passare al montaggio della struttura della casa. Esso avviene in ca. 1 settimana-10 giorni, incluso il montaggio del tetto e del pacchetto di copertura.

6.    Lavori interni

Dopo il montaggio della struttura, inizia la prima fase dei lavori interni alla casa: impianto elettrico, termico, idraulico, massetto, pavimenti e rivestimenti.

7.    Finiture interne

I lavori di finitura interna comprendono lavori di imbiancatura, stuccatura, montaggio sanitari, completamento impianti.

8.    Arredamento

Comprende l'eventuale montaggio di cucina/ mobili su misura, completamento bagni, illuminazione

 

Come per qualsiasi tipo di edificio, anche nel caso della costruzione di una casa a basso consumo energetico, molti sono i fattori da esaminare con attenzione. La questione dei costi rappresenta certamente uno degli elementi principali. Per tenerli sotto controllo è necessaria un'attenta progettazione fin nei minimi particolari, un crono-programma dei lavori preciso e dettagliato, un costante check-up dei preventivi di spesa e del cantiere.

 

Gli elementi fondamentali per una casa passiva sono tre:

·         Tipologia della parete e del tetto

Da tenere ben presente i valori di trasmittanza, di sfasamento e attenuazione in funzione della fascia climatica della località in cui deve essere realizzata la casa.

Se si costruisce in luoghi dove mediamente il freddo è prevalente sul caldo, il valore che deve essere preso maggiormente in considerazione è la trasmittanza (più basso è migliore è la prestazione).

Se invece si costruisce in un luogo dove i periodi di caldo sono prevalenti su quelli di freddo, i valori più importanti sono lo sfasamento (più è alto e migliore è la prestazione) e il fattore di attenuazione (più basso è migliore è la prestazione).

Comunque questi valori devono essere ben bilanciati in funzione del luogo dove si costruisce la casa.

·         Tipologia delle finestre

E’ importante che abbiano un valore di trasmittanza globale basso e vetri che trasferiscano all’interno il minimo della temperatura esterna (freddo d’inverno e caldo d’estate).

Bisogna tener presente che gli infissi se non validi qualitativamente, possono essere dei termosifoni durante l’estate e dei refrigeratori durante l’inverno che è esattamente il contrario di ciò che serve.

·         Impiantistica

o    Riscaldamento

§  Importante è prevedere quale fonte energetica deve essere utilizzata per il generatore, in generale la migliore per una villa è l’elettricità, accompagnata da un fotovoltaico e solare termico. E’ possibile valutare anche la geotermia in funzione del luogo dove deve essere realizzata (per ville unifamiliari in generale il sistema geotermico non è conveniente). Il gas è la fonte più inquinante e quindi la meno consigliata. Altre fonti vanno valutate nel particolare (pellet, cogenerazione, olii ecc.)

§  Le possibilità che si hanno per il riscaldamento sono:

·         Radiante a pavimento, a soffitto o a parete

·         Ad aria

·         Termosifoni (scelta generalmente non consigliabile per case ad alta efficienza energetica)

o    Raffrescamento

§  Il generatore è quasi sempre lo stesso del riscaldamento (pompa di calore) oppure se necessario si valutano altre possibilità.

o    Ventilazione meccanica controllata

§  E’ importantissima all’interno degli edifici, in quanto la qualità dell’aria è perfetta se c’è un idoneo ricambio d’aria. Avere un sistema che in modo automatico effettua i ricambi d’aria necessari recuperando il calore presente nell’edificio, permette un microclima interno sempre perfetto.

o    Domotica

Per bilanciare opportunamente il microclima interno (umidità,caldo,freddo)

§  La domotica consente di avere sempre sotto controllo i valori fondamentali per il nostro benessere all’interno dell’edificio e di gestirli in base alle nostre necessità in modo semplice immediato e anche a distanza (internet).

 

E’ fondamentale che sia un tecnico o una azienda competente a valutare globalmente le prestazioni di tutto l’involucro, in quanto tutto deve essere bilanciato.

 

Si consiglia di suddividere il calcolo dei costi nelle seguenti voci:

§  Acquisto del lotto edificabile con tutte le spese inerenti (notaio, imposte, provvigioni)

§  Lottizzazione: (se presente) e allacci alle utenze

§  Permesso di costruire e imposte correlate

§  Progettazione: architetto/geometra, geologo, ingegnere, progettista impianti

§  Impresa edile: fondazioni, muri di contenimento (se necessari), sistemazione del cantiere (gru, impalcature, sicurezza), massetti, pavimenti, intonaci, pittura, movimento terra, piscina (se prevista)

§  Struttura: casa in legno, tetto con coibentazione e isolamento. Pavimenti, finestre e porte, facciata, ringhiere e scale interne.

§  Impianti: riscaldamento, raffrescamento, ventilazione, impianto idraulico, solare termico.

§  Elettricista: impianto elettrico, impianto fotovoltaico.

§  Interni: bagni, cucina, porte, armadi a muro ecc

I costi dipendono dal fabbisogno energetico del fabbricato e dalle finiture scelte:

Per quanto riguarda la struttura base della casa (in legno x-lam) in classe A o A+ si considerano tra:

·         500/700 €/mq

Per i lavori di finitura e completamento si calcolano ulteriori:

·         600/900 €/mq

Il prezzo del terreno e eventuali spese di lottizzazione non sono compresi.

Il prezzo complessivo di una casa ad alta efficienza energetica (escluso terreno, lottizzazione, progettazione, lavori esterni e fondazioni) si può collocare tra:

·         1.100 e 1.600 €/mq

in Blog Visite: 8762

Commenti