Il Blog di Technowood

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
  • Team Blogs
    Team Blogs Trova il tuo blog collettivi preferiti qui.
  • Accesso
    Login Modulo Login

Il legno per difendere e proteggere l'ambiente

  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Iscriviti a questo post
  • Stampa

imagesCAJXQOYZE’ ormai universalmente noto che le emissioni globali di anidride carbonica (CO2) sono uno dei problemi ambientali più impellenti. L'aumento della concentrazione di CO2 nell'atmosfera terrestre è una delle ragioni principali dell’aggravarsi dell'effetto serra. Questo porta, nel lungo termine, al riscaldamento globale e a cambiamenti climatici.

Quello che, forse , è meno conosciuto al grande pubblico è che costruire una casa con struttura portante in legno significa dare un’importante contributo alla protezione e alla salvaguardia dell’ambiente.

imagesCAIB6JLBInfatti il legno ha un comportamento  particolare conosciuto come  “zero immissioni di CO2” . Vediamo perché.

 

L’albero nel corso della sua crescita assorbe CO2 dall’aria. Il carbonio (C) è impiegato per la costruzione di materia organica, l’ossigeno (O2) viene rilasciato nell'ambiente. E’ stato calcolato che in media un albero di 25 metri di altezza libera ogni giorno una quantità di ossigeno che consente a tre persone di respirare. Più vecchio diventa un albero, più lentamente cresce, ed assorbe meno CO2. Un albero muore e decade con il volgere del tempo. Il carbonio assorbito si trasforma di nuovo in CO2 e viene rilasciato nell'aria circostante. Il cerchio della vita si chiude.

L'albero, durante il suo ciclo d’uso, sarà utilizzato e trasformato in prodotti, pertanto il carbonio viene così conservato in un “deposito “, dove vi rimane fino alla fine del ciclo di vita dell’albero. vitaalberoimagesCAC38A98

I prodotti di legno al termine del loro ciclo di utilizzo, possono essere utilizzati quindi per produrre energia oppure scomposti in materie prime. In entrambi i casi viene rilasciata la stessa quantità di CO2, che originariamente la pianta ha sottratto dall'aria circostante.Legato a questo fenomeno e con implicazioni estremamente benefiche per l’ambiente , è l’incremento dell’impiego del legno al posto di altri materiali di produzione a maggior intensità di energia con conseguente aumento di gas a effetto serra . La produzione della maggior parte di prodotti in legno può richiedere decisamente meno energia rispetto ad altri prodotti. Lo stesso materiale di legno, la cui produzione attraverso la scomposizione e impiego in materie prime può essere considerato proporzionalmente ad alta intensità energetica, conserva al netto ancora più di 1 kilo di CO2 per ogni kilo di materiale. Grazie all’efficienza energetica della trasformazione diminuisce in modo significativo l’emissione di gas a effetto serra.

Se consideriamo che è stato calcolato che il mercato dell’edilizia a livello Europeo è responsabile di circa il 40% dell’inquinamento, mentre globalmente del 47% , è comprensibile come aumento dell’uso del legno nell’edilizia , sfavorendo la produzione di materiali a forte impatto ambientale come il cemento armato , acciaio , laterizi sia fondamentale per diminuire il livello di CO2 della nostra atmosfera.

In conclusione :

Costruire una casa in legno significa
fornire un’importante contributo alla protezione e alla salvaguardia dell’ambiente per 6 importanti ragioni .

  1. Innanzitutto il legno è l’unica materia prima che cresce spontaneamente.
  2. Inoltre, gli alberi assorbono dall’aria una grande quantità di CO2, per poi rilasciarla sotto forma di carbonio innocuo.
  3. Gli edifici costruiti in legno prolungano questo effetto “di deposito naturale “ di sostanze nocive.
  4. Il fabbisogno energetico per la lavorazione e per la costruzione degli edifici in legno è inoltre molto ridotto rispetto alle costruzioni abituali e l’alto isolamento termico che li caratterizza consente di diminuire drasticamente l’uso di combustibili per il riscaldamento e il raffrescamento interno.
  5. I resti della lavorazione del legno possono essere sfruttati termicamente o reintrodotti in natura.
  6. Infine, in caso di demolizione, molte delle componenti della casa sono riciclabili.
in Blog Visite: 1423

Commenti