Il Blog di Technowood

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
  • Team Blogs
    Team Blogs Trova il tuo blog collettivi preferiti qui.
  • Accesso
    Login Modulo Login
Oggi il tema dell’efficienza energetica è diventato il tema per eccellenza in tutti i settori industriali e soprattutto nell’edilizia: basti pensare che in Europa più del 40% dell’energia globale viene consumata per il riscaldamento e la climatizzazione  delle abitazioni ad uso civile.

Per questo l’Unione Europea ha imposto nuove e più severe regole per i futuri costruttori di case private e pubbliche: la direttiva Europea 2010/31/CE impone che tutte le nuove case private costruite dal 1 Gennaio 2021 in poi debbano essere edifici con un consumo energetico quasi zero.
In Italia dal 1 gennaio 2012 è obbligatorio attestare la classe energetica di tutti gli edifici presenti sugli annunci commerciali. 

E’ chiaro quindi che la chiave per migliorare l’ambiente, e soprattutto per determinare costi più bassi dell’energia dipende da come verranno costruite le case del futuro
 

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI...COSA? PERCHE'?

La certificazione energetica è uno strumento necessario e indispensabile per la valorizzazione delle prestazioni energetiche della nostra casa.
Lo scopo della classificazione energetica è quello di capire quanti soldi si consumano per il riscaldamento e il raffrescamento e se c’è o meno la necessità di interventi di miglioramento energetico.

Il parametro più importante che scaturisce dalla certificazione energetica è l’Indice di Prestazione Energetica Globale (EPi, globale), dato dallo somma dell’Indice di Prestazione Energetica per il riscaldamento invernale (EPi) e quello per il riscaldamento dell’acqua calda sanitaria (EPacs).
L’EPi globale, dal 1 gennaio 2012, deve essere indicato sugli annunci immobiliari. Esso indica anche quanta energia serve all’edificio per mantenere costanti al suo interno le condizioni di comfort nell’arco della stagione invernale (temperatura dell’aria interna dei locali pari a 20 °C).
L’indice di prestazione energetica (EPi) è il parametro che differenzia due edifici, in termini di consumo energetico, molto più della semplice classe energetica (A,B,C,...). All’interno dunque di una stessa classe energetica possono essere compresi edifici con consumi energetici diversi e quindi con diverso valore di EPi.

Riferimenti normativi: legge 9 gennaio 1991, n. 10, decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412 e successive modificazioni, "decreto requisiti minimi" 192/2005, che definisce anche il sistema di attestazione della prestazione energetica degli edifici o delle unità immobiliari (APE).

 

Sulla base dell’indice EPi viene determinta la classe energetica dell’edificio.
Questa è contrassegnata da un indicatore alfabetico: la lettera G rappresenta la classe caratterizzata dall’indice di prestazione più elevato (maggiori consumi energetici), mentre la lettera A rappresenta la classe con il miglior indice di prestazione (minori consumi energetici).
Un indicatore numerico, affiancato alla lettera A, identificherà i livelli di prestazione energetica in ordine crescente a partire da 1 (rappresentante del più basso livello di prestazione energetica della classe A).

L’attestazione va richiesta, a proprie spese, dal titolare del titolo abilitativo a costruire, comunque denominato, o dal proprietario, o dal detentore dell’immobile, ai soggetti certificatori abilitati ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 75.

 

b2ap3 icon Immagine

Classe A4: meno di 0,40 EP  [kWh/m2]
Classe A3: da 0,40 a 0,60 EP  [kWh/m2]
Classe A2: da 0,60 a 0,80 EP  [kWh/m2]
Classe A1: da 0,80 a 1,00 EP  [kWh/m2]
Classe B: da 1,00 a 1,20 EP  [kWh/m2]
Classe C: da 1,20 a 1,50 EP  [kWh/m2]
ClasseD: da 1,50 a 2,00 EP  [kWh/m2]
Classe E: da 2,00 a 2,60 EP  [kWh/m2]
ClasseF: da 2,60 a 3,50 EP  [kWh/m2]
Classe G: più di 3,50 EP  [kWh/m2]

 

E PERCHE' IL LEGNO AI FINI DELL'EFFICIENZA ENERGETICA?

Le abitazioni con tecnologia prefabbricata in legno oggi si trovano in una posizione di netto vantaggio per quello che riguarda l’efficienza energetica. Vediamo perchè:

In ogni casa l’involucro determina le basi per calcolare l’efficienza dell’abitazione: se non si costruiscono le pareti, i solai e il tetto con ottimi valori di isolamento termo-acustico, è inutile progettare impianti sofisticati per la generazione di energia. Questa verrebbe inesorabilmente dispersa.

La tecnologia di prefabbricazione delle case in legno consente invece di lavorare per garantire il calcolo esatto dell’isolamento, attraverso la produzione industriale che certifica e controlla continuamente la qualità direttamente in azienda. Più alto è il grado di prefabbricazione, più alto è lo standard qualitativo.

Inoltre il legno grazie alle sue qualità biologiche svolge l‘importante funzione della regolazione del clima interno della casa. Per questo motivo nelle case prefabbricate vengono utilizzati solo legnami con tassi di umidità ben precisi, essiccati in camere speciali. 
Chiaramente un ottimo isolamento consente di gestire meglio l’equilibrio delle temperature interne in un abitazione, garantendo quella percezione termica responsabile della sensazione di benessere tipica di una casa in legno.

 

Per tutti questi motivi possiamo assicurarvi che con la struttura portante in legno si riesce ad ottenere più facilmente, e ad un costo inferiore, una classe energetica A4 (A+).

E realizzare una casa con struttura portante in legno di 120 mq in classe A4 fa risparmiare in 25 anni circa 30.000,00 euro, rispetto ad una realizzata con sistemi convenzionali in classe A1 o B.
Se valutiamo il risparmio rispetto al patrimonio edilizio esistente, generalmente in classe G, il risparmio in 25 anni è addirittura di oltre 100.000,00 euro.

 

L’alta efficienza energetica si traduce in bollette bassissime!
Buone notizie dunque, per l'ambiente e per il portafogli!

 

QUALI SONO GLI ALTRI VANTAGGI DI UNA CASA IN LEGNO?

Il legno è uno dei materiali più antichi del nostro pianeta. Gli sviluppi degli ultimi decenni e la simbiosi tra legno e tecnologie moderne ha permesso la realizzazione di case d’alta qualità, tra le più performanti ai fini del risparmio energetico. 
Ma i vantaggi non si fermano quì perchè il legno:

 1. E’ CONFORTEVOLE
Garantisce comfort interno, isolamento termico e acustico incredibilmente superiore al cemento armato e/o laterizio.

2. E’ SANO
Ha ottime proprietà traspiranti, funziona come filtro naturale dell’aria: assorbe l’umidità eccessiva e la rilascia quando l’aria è secca, permette di stabilizzare gli sbalzi di temperatura, trattiene l’aria nociva rilasciando aria rigenerata.

3. GARANTISCE MAGGIORE VALORE ALL'INVESTIMENTO
Il mercato delle case in legno è in forte crescita.
Il procedimento costruttivo risulta più veloce ed economico.
Il ridotto spessore delle pareti consente di recuperare un’importante percentuale di superficie calpestabile (circa 5 mq su 80 mq).

4. E’ VERSATILE
Materiale duttile ed elastico, con peso specifico basso (500 kg/mc) che lo rende polivalente, leggero, ma incredibilmente dinamico ed adattabile a qualsiasi ambiente.

5. E’ RESISTENTE AL FUOCO
Più delle strutture in acciaio o cemento armato. Infatti, l’acciaio e il calcestruzzo perdono rapidamente la loro resistenza al calore indebolendosi e curvandosi già a 200° C. Invece la combustione del legno si ha oltre i 500° C e la velocità è calcolata in 0,8 mm al minuto, incredibilmente lenta poiché il legno è un cattivo conduttore di calore. Queste caratteristiche permettono di calcolare il rischio di crollo attraverso la classe di resistenza F60.

6. E’ ANTISISMICO
Essendo le strutture lignee leggere, elastiche, resistenti, le sollecitazioni indotte dall’azione sismica sono inferiori rispetto alle strutture in cemento armato;
Per approfondire: Progetto Sofie CNR-IVALSA

7. GARANTISCE UN MAGGIOR RISPARMIO ENERGETICO
Fino al 70% di risparmio rispetto alla stessa costruzione in cemento e muratura grazie alle sue capacità bioclimatiche e termoisolanti.

8. E’ DURATURO
SE BEN REALIZZATA una casa in legno richiede una manutenzione notevolmente ridotta rispetto alle case con altri materiali.

9. E’ ECOSOSTENIBILE
La lavorazione del legno non richiede eccessivi consumi di energia e i materiali principali sono totalmente riciclabili.

10. RISPETTA L'AMBIENTE
Per il mantenimento del patrimonio boschivo, la certificazione PEFC (programma per il riconoscimento di schemi di certificazione forestale) garantisce la provenienza del legno da boschi sottoposti a coltivazione sostenibile. 
Per approfondire: PEFC

11. E' SICURO E STABILE
La struttura portante è estremamente stabile e resistente, e consente normalissimi fissaggi a tenuta sulle pareti per mensole, pensili e sanitari.

b2ap3_thumbnail_32-per-pinterest-copy.jpg

Continua a leggere
in Blog 347

Foto3b

Il legno, utilizzato per realizzare la struttura portante, presenta notevoli vantaggi rispetto ai sistemi convenzionali:

• RISPARMIO

• LEGGEREZZA

• VELOCITÀ DI REALIZZAZIONE

• EFFICIENZA ENERGETICA

• VERSATILITÀ

• PULIZIA

Continua a leggere
in Blog 4244

Copertinamazzolini Una casa ad alta efficienza energetica può essere costruita in qualsiasi stile e in qualsiasi luogo, i proprietari non devono limitare le proprie idee in alcun  modo.

 Essa può essere costruita con struttura in legno, acciaio o muratura/pietra e anche la scelta dei materiali per gli interni non è limitante.

 Tuttavia per garantirne la funzionalità ottimale con il conseguente risparmio energetico e di costi è consigliabile prevedere una forma semplice e compatta e  un orientamento ottimale.

 Noi della Technowood abbiamo verificato che utilizzando il legno come struttura portante si riesce ad ottenere il miglior rapporto qualità/prezzo, un  eccellente comfort abitativo, rispetto a tutte le altre tecnologie, sicuramente il costo più basso in rapporto alla qualità dell’involucro.

Continua a leggere
in Blog 10538

10471511 341851799308140 4918554022538390355 nLA SOPRAELEVAZIONE con struttura portante in legno è la migliore risposta alle necessità strutturali degli edifici attualmente presenti sul territorio Italiano.

Se hai la necessità di sopraelevare il tuo immobile, il legno ti consente di risolvere più facilmente tutta una serie di problematiche di tipo strutturale.

Le attuali normative in vigore consentono di sopraelevare edifici solo se si esegue una verifica strutturale e la si adegua sismicamente ai nuovi parametri. La verifica strutturale deve essere condotta da un professionista qualificato che analizzerà il comportamento sismico dell’intero immobile unitamente alla sopraelevazione da realizzare.

I vantaggi che si ottengono con il legno sono molteplici:

Continua a leggere
in Blog 2884

1111Non tutti sanno che prima dell'avvento del proibizionismo della cannabis le diverse varietà della canapa erano coltivate in tutto il mondo fin dall'antichità, e utilizzate in vari e numerosissimi campi: il fusto costituiva la materia prima per la produzione di carta, fibre tessili in genere (corde, abbigliamento, ecc.), fibre plastiche, e concimi naturali; nella medicina umana e veterinaria le foglie e soprattutto i fiori erano molto utilizzati per vari scopi fra i quali, ad esempio, l'uso antinfiammatorio e sostituivano in quel periodo molti dei farmaci presenti oggi sul mercato. Con la canapa si possono produrre anche cosmetici come creme, shampoo e saponi.
Ulteriori utilizzi prima della proibizione sono stati fatti nella creazione di una delle prime automobili prodotte in serie (la Ford T del 1923), un prototipo, detto Hemp Body Car, composto per più del 60% di materiali derivati dalla canapa.55555
Perfino le case erano costruite in buona parte con prodotti derivati dalla cannabis (vernici, colle, mattoni, rivestimenti).

Continua a leggere
in Blog 2999

 

Technowood è strutturata per essere il tuo unico interlocutore in grado di garantire

LA COMPLETA PERSONALIZZAZIONE E MODULARITA' dei  preventivi .

 

Questo ci consente di  essere in linea con qualsiasi necessità e budget, secondo il seguente semplice schema : 

 

FASI LAVORI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere
in Blog 2761

428dfb9daea339a65736671c568e7dec

La green economy è ormai la strada obbligata per la ripresa economica a livello nazionale, come modalità di sviluppo ecosostenibile del territorio e come opportunità di occupazione.

 

In particolare, l'edilizia sostenibile in generale e quello delle costruzioni in legno in particolare ,  può diventare il motore trainante del rilancio del settore, che ha già dato i primi timidi segnali e che diventerà più solido entro il 2015.

 

Ora però ci sono dati seri ed inoppugnabili a confortare tale ipotesi.

Continua a leggere
in Blog 3159

medi0233333333333333333333Il riparo dal freddo è stato uno dei principali obiettivi dei costruttori delle case con struttura portante in legno soprattutto perché molte delle case costruttrici si trovano nei paesi/climi più freddi . In realtà con l’accresciuto interesse per queste tipologie di case anche in climi più temperati, gli obiettivi sono progressivamente diversificati . Attualmente, infatti, il tema della protezione dal caldo estivo è diventata una questione di estremo interesse per i progettisti delle case prefabbricate in legno soprattutto per chi vive in zone a clima mediterraneo o subtropicale, come gran parte dell’Italia.

Numerosi studi hanno dimostrato come in Italia, con riferimento ad un edificio mal progettato o molto vetrato, il rapporto tra consumi estivi ed invernali risulta 6:1 a Palermo, 3:1 ad Ancona, 1:1 a Cuneo. Si consuma, dunque, di più per il condizionamento estivo che per il riscaldamento invernale. Con un buon progetto dell’involucro, il rapporto tra consumi estivi e invernali diminuisce a 3:1 a Palermo e 1,5:1 ad Ancona, mentre rimane 1:1 a Cuneo. Emerge dunque l’importanza di una corretta progettazione del raffrescamento estivo e la priorità del problema dei consumi estivi in Italia.

Continua a leggere
in Blog 4431

vario-haus-passivhaus-solare-950x712Passivhaus-energyLe Case passive sono essenzialmente edifici che utilizzano pochissima energia per il riscaldamento e il raffreddamento , fornendo nel contempo un elevato livello di comfort . Se si dovesse descrivere la Casa Passiva in poche parole si direbbe che è una casa caratterizzata da un' eccezionale efficienza energetica , con basso consumo energetico ed elevato potenziale termico isolante. Questa tipologia di casa è, infatti, così efficiente dal punto di vista energetico che consente un risparmio fino al 90 % dei costi di riscaldamento . 

Il concetto di Passive Houses ( ' Passivhaus ' in tedesco ) è stato usato per la prima volta nel maggio del 1988 da Bo Adamson dell'università di Lund , in Svezia , e Wolfgang Feist dell'Istituto per l'Edilizia e l'Ambiente , in Germania . L'Istituto Passivhaus costituito nel 1996 a Darmstadt, ha stabilito una serie di criteri di qualità internazionali per far sì che un edificio possa essere definito "Passiv" ed è l'Istituto che promuove, controlla gli standard a livello internazionale. 

Continua a leggere
in Blog 3910

9032d35056ae268e582a6f601c0ac623Gli obiettivi della progettazione sostenibile si stanno ampliando cercando non solo modi per ridurre effetti e impatto ambientale di un edificio ma abbracciando temi più generali come quelli legati al comfort, stress, o più generale alla salute degli occupanti di tali edifici.

Lavori sempre più sedentari , più attività/servizi indoor fanno aumentare la quantità di tempo trascorso all'interno di edifici . Ad esempio statistiche americane dimostrano che una persona trascorre il 90% del suo tempo in edifici al chiuso ( casa, scuole , uffici, centri commerciali, palestre etc) , 5% in auto e solo il 5% in attività all’aperto. Cioè rende , ad esempio, il design di interni sempre più importante , ma anche che la progettazione degli edifici stia diventando sempre di più una scelta green coerente e consapevole per l’impatto che può avere sulla vita dei suoi occupanti.

La definizione di edilizia sostenibile, quindi, si raffina sempre di più per

includere non solo l'impatto degli edifici sull'ambiente ma anche sulle

imagespersone .

Continua a leggere
in Blog 3360

cantiere(6)Per bioarchitettura , in base alla definizione dell’Istituto Nazionale di Bioarchitettura (INBAR), s’intende l'insieme delle discipline legate all’architettura e alla tecnologia edile, che presuppongono un atteggiamento ecologicamente corretto nei confronti dell'ecosistema.

La bioarchitettura è la metodologia capace di assicurare la realizzazione di un edificio caratterizzato da idonee condizioni di salubrità tali da ridurre impatti negativi sull’ ambiente , lo sperpero o il cattivo utilizzo delle risorse ambientali. Si fonda su alcune semplici ma importanti regole di sostenibilità e di equilibrio tra costruzioni ed ambiente in modo da soddisfare le esigenze dell’uomo di oggi senza compromettere quelle delle future generazioni.

Suo compito è quindi quello di sviluppare progetti per il risparmio produttivo, prestando attenzione al ciclo di vita dei materiali ed al valore del loro riuso e riciclo.

Una edilizia sostenibile consapevole ed intelligente si deve , quindi , basare su un confronto dell'impatto ambientale dei diversi materiali edili a disposizione . In particolare si parla molto spesso della comparazione del legno , acciaio e cemento armato .

La ricerca scientifica internazionale sta dando risposte importanti che evidenziano sempre la superiorità del legno rispetto agli altri materiali . Vediamo come

Continua a leggere
in Blog 3168

energiaLa legge 90/2013, emanata nel mese di agosto 2013 e pubblicata dalla Gazzetta Ufficiale ha confermato e reso obbligatorio, per tutti gli edifici italiani, il possesso della nuova certificazione energetica APE (attestato di prestazione energetica), sostituta dell'ACE (attestato di certificazione energetica).

La legge in questione ha fatto sì che anche l’Italia fosse conforme ai dettami europei, dopo una multa e l’ennesima brutta figura agli occhi dell’ Europa.

Dal 6 giugno è obbligatorio allegare ai contratti di affitto o compravendita immobiliare l’attestato energetico APE, altrimenti i contratti saranno nulli.

La scala di valori parte da un massimo d’efficienza, classe A+, ad un minimo, classe G.

Gli edifici che presentano classe energetica A consumano ridotte quantità di energia e di conseguenza posseggono di un valore immobiliare più elevato rispetto ad un’ abitazione delle stesse dimensioni ma in classe energetica G.


Come si presenta la realtà degli edifici italiani dopo 5 mesi dall’emanazione della legge?

 

Continua a leggere
in Blog 3033

DSC00549Ormai al tetto non è più richiesto di svolgere la sua semplice ed originaria funzione di copertura.

Con l’accresciuta sensibilità verso i temi della sostenibilità in generale e della bioarchitettura in particolare è cresciuta l’esigenza di realizzare abitazioni più ecocompatibili, quindi, anche il tetto è diventato una componente importante della progettazione che vuole essere coerente con i principi della bioarchitettura.

 

Costruire il tetto in legno è diventata, quindi, una scelta consapevole di progettazione green che offre notevoli vantaggi . Vediamo quali.

 

Continua a leggere
in Blog 3083

 

50 x100Proseguono anche nel 2014 le agevolazioni fiscali del Decreto Ecobonus (D.L. 63/2013), in materia di agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici, l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici di classe energetica non inferiore ad A+ per immobili soggetti a ristrutturazione e  l'adeguamento antisismico.  

 

In ogni caso  se devi fare dei lavori per riqualificare la tua casa , non rimandare. 

 

Approfitta delle agevolazioni consentite !  

Sintetizziamo  di seguito  i dettagli più importanti del decreto.

 

Continua a leggere
in Blog 2854

b4b9ccb74ce05ca31a0c2efe8753a2f6Dall’edilizia privata ad edifici pubblici o strutture turistiche , ormai i principi della sostenibilità sono sempre più presenti in tutti i tipi di architettura .

Il legno , non ci stancheremo mai di ripeterlo , rappresenta il materiale fondamentale per rendere credibile coerente e reale qualsiasi progetto architettonico sostenibile e green .

Di seguito riportiamo tre ( tra i moltissimi ) progetti internazionali , che abbiamo ritenuto interessanti per vari motivi architettonici,  realizzati in legno che evidenziano l’estrema flessibilità , duttilità e capacità del legno  ad integrarsi con le conoscenze delle culture locali .

 

Continua a leggere
in Blog 3645

 

Bullitt01L' obiettivo dichiarato di edificio più verde del mondo, il Bullitt Center di Seattle - un edificio commerciale a 6 piani - è quello di vivere secondo le rigorose sfide del “Living Building Challenge” , il più ambizioso punto di riferimento per sostenibilità dell'ambiente mai concepito , standard molto più rigoroso rispetto  a quello  più famoso LEED . Obiettivo ambizioso ma realizzabile visto che La Bullitt Center di Seattle è stato inaugurato qualche mese fa, il 22 aprile nell’Earth Day.  Data coerente che sottolinea il forte legame tra l'edificio e le questioni ambientali per  garantire un futuro sostenibile al nostro pianeta .

net zero bullitt building facadeProgettato dal team della Miller Hull Partnership la struttura si estende per 47 mila mq, accogliendo al suo interno una parte dei laboratori della “University of Washington’s Integrated Design Lab”, il “Cascadia Center per il Sustainable Design and Construction” ed ovviamente la “Bullitt Foundation”, principale sponsor dell’opera . Questi prestigiosi partners sono stati coinvolti anche nella fase progettuale tramutandosi in contenitori e sostenitori di sperimentazioni . Anche la collocazione del Bullitt Center è stata studiata per ottenere ottimi risultati anche dal punto di vista delle infrastrutture del trasporto, pianificando i percorsi ciclabili e pedonali per sostenere uno stile di vita eco-friendly.

Continua a leggere
in Blog 3083

1stPlace StudentGYOC Perspective 1Il legno per le sue caratteristiche green (vedi anche )   sarà il materiale da  costruzione  sempre più sostenibile ed eco del futuro. Purtroppo una delle ragioni per cui In Italia, ma non solo, ci sono ancora resistenze alla sua diffusione è la scarsità di corsi specifici per costruire in legno , sia per corsi di laurea di architettura e di ingegneria, corsi postuniversitari, che ne fanno ancora materia di elite riservata a pochi professionisti . E’ e sarà fondamentale sempre di più , sviluppare , far crescere e rendere più matura una conoscenza della progettazione in legno per i professionisti anche attraverso concorsi e progetti ambiziosi.

Per fortuna l’aria sta cambiando anche  a livello  internazionale, per cui  si stanno moltiplicando iniziative che premiano la creatività ed innovazione nel campo del “green building” per gli studenti e giovani professionisti . Tra le tante ne segnaliamo una legata alla città di NY , trend setter per eccellenza di tendenze nuove e nuovi mercati. Studenti di architettura e giovani professionisti sono stati chiamati a partecipare ad in una competizione unica , chiamata “Timber the City” , per la progettazione di un innovativo progetto , una struttura ad uso PROGETTAZIONE LEmisto a New York , usando come prodotto primario, appunto ,  il legno.

Continua a leggere
in Blog 2767

life-cycle-560

Il Legno è rinnovabile - Legno cresce naturalmente e aiuta a ridurre il nostro impatto ambientale

Il legno rispetta le norme - La tecnologia avanzata e moderni regolamenti edilizi stanno espandendo le opportunità per il legno in edilizia.

Il legno è versatile- la flessibilità di progettazione del legno, permette una vasta gamma di tipi di edifici e applicazioni - sia strutturale che estetico.

Il legno ingegnerizzato è innovativo, flessibile ed efficiente.            

imagesCAQTMESHgdfgdgdfgdfgdfgdfgdfgdfgdfgdfgdfgdfgdfgdfgdf

Continua a leggere
in Blog 1534

02Uno dei argomenti più spesso usato per scoraggiare la realizzazione di case in legno riguarda la manutenzione di tali case .

Molto spesso viene usato dagli scettici come argomento per mettere in discussione la filosofia stessa delle case in bioedilizia.

La domanda, infatti, che più spesso viene fatta riguarda la vita media di una casa in legno, e, subito dopo , il costo delle sua manutenzione.

Sollevando dubbi sulla durata di una casa in legno rispetto a quella di una casa tradizionale ed il rischio di lunghe e costose manutenzioni per allungare la vita media di una casa in legno .

 

manutenzione 3

Niente di più falso vediamo perché.

Continua a leggere
in Blog 2059

5c78d1cd4f68cc53a300f69deed57f94In generale i prezzi di una casa in legno sono in funzione di diversi fattori. In particolare fattori che possono incidere sul prezzo finale della casa in legno vedi anche la nostra pagina sul sito  sono :

 

  • Tipologia di sistema costruttivo per esempio X-Lam piuttosto che a telaio
  • Materiali scelti per le finiture
  • Requisiti per gli infissi
  • La posizione dell’luogo di costruzione ed in generale l’ “architettura” generale della casa
  • Casa ad un solo piano piuttosto che più piani
  • Numero e dimensioni delle vetrate
  • Tipo di coibentazione usata per pareti, solai e tetti
  • Classe energetica richiesta

In realtà, sono gli stessi fattori e/o caratteristiche tecniche che incidono nel prezzo di una casa tradizionale in muratura e che determinano anche i prezzi delle case in legno. Allora , forse , la domanda giusta potrebbe essere, a parità di caratteristiche tecniche come è il prezzo di una casa in legno rispetto a quello di una casa in muratura ?

Continua a leggere
in Blog 1961